Fondo vittime amianto

MILLEPROROGHE – VITTIME AMIANTO FAMILIARI E AMBIENTALI: da 5.600 € a 10.000 € la prestazione del FVA, nel testo in discussione alle camere l’emendamento di Debora Serracchiani ed altri approvato in commissione

Bologna, 18 febbraio 2020

Nel testo della legge denominata “MILLEPROROGHE” licenziata dalla Commissione parlamentare, approvato alla Camera dei deputati ed ora in discussione al Senato della Repubblica è contenuto il provvedimento (art. 11 bis) frutto di un emendamento presentato dall’ Onorevole Debora Serracchiani ed altri (scarica il testo dell’emendamento .pdf), che porta da 5.600 € a 10.000 € la prestazione assistenziale erogata dal Fondo Vittime Amianto ai Malati di mesotelioma per esposizione amianto familiare ovvero per esposizione ambientale.

La misura, se approvata, riguarderà l’anno 2020 e sarà riconosciuta in caso di decesso in favore degli eredi.

Per coloro che hanno beneficiato della prestazione di 5.600 € nel periodo 2015-2019, sarà possibile chiedere, su domanda da produrre ad INAIL, a pena decadenza entro 120 giorni dall’approvazione e dell’entrata in vigore della legge, l’integrazione della prestazione fino ai 10.000€. In caso di avvenuto decesso prima della data di entrata in vigore del provvedimento, gli eredi possono chiedere l’integrazione suddetta.

La misura vale anche per chi non ha potuto fare domanda dal 2015 in poi, che può attivarsi ora per allora. Naturalmente consigliamo a chi pensa di averne diritto a contattare gli sportelli AFeVA Emilia Romagna o il Patronato INCA del territorio.

Ovviamente, questa misura chiesta da un largo fronte di Associazioni delle Vittime dell’amianto, da CGIL-CISL-UIL, dal Comitato amministratore del Fondo Vittime Amianto, rappresenta una importante acquisizione di giustizia, che riguarderà per il pregresso oltre 1200 persone.

Dopo la delusione rappresentata dalle leggi di Bilancio 2019-2020, non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per questo risultato, sperando ovviamente che l’iter parlamentare porti alla conferma del provvedimento.

Un ringraziamento va ai parlamentari che hanno sostenuto queste proposte.

Invitiamo tutte le strutture che hanno esercitato la tutela in questi anni a predisporsi, perchè dopo l’approvazione della Legge, si attivino per informare tutti gli aventi diritto di questa possibilità.

Ora, in considerazione del fatto che con il 2020 termina il trattamento dei casi di mesotelioma ambientale e familiare, sarà necessario avanzare proposte, che noi chiediamo di riforma complessiva del Fondo, che permettano una complessiva risposta ai bisogni delle persone che si ammalano di malattie asbesto-correlate.

Deve inoltre avanzare una risposta alla necessità di raggiungere in tempi stretti alla completa bonifica dell’amianto presente sul territorio.

Scarica il comunicato di CGIL-CISL-UIL

Leggi la notizia della mobilitazione del 2018 per l’approvazione di questo provvedimento

Leggi e ascolta le audizioni nelle commissioni parlamentari

Decreto Ministero del Lavoro 24 aprile 2018: Fondo vittime amianto – malati di mesotelioma non professionale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...